skip to Main Content

CHIUSURA DELL’ANNO SCOLASTICO 2019/2020 NELLA SCUOLA CECA ROMA

Sabato 6 giugno 2020 si è tenuto un incontro finale per la chiusura dell’anno scolastico 2019/2020. Vista la persistente emergenza anche questo evento si è svolto in remoto attraverso l’utilizzo della piattaforma Zoom Meetings. All’incontro ha preso parte tutto il personale docente della Scuola Ceca Roma, il consiglio scolastico, alunne ed alunni, bambini, genitori e gli amici della SCR. Il punto principale del programma è stato la valutazione del lavoro annuale della SCR con particolare attenzione all’insegnamento a distanza nel 2° quadrimestre.

Curatrice dell’incontro: Kateřina Di Paola Zoufalová, preside della scuola;

Supporto tecnico: Eva Trlíková, insegnante della SCR.

Il video meeting è stato avviato dall’inno nazionale della Repubblica Ceca.

Poi è intervenuta Kateřina Di Paola Zoufalová, preside della scuola, che ha valutato l’adempimento del POF “Per la porta delle lingue alla tua seconda patria” durante questo anno scolastico. Ha ricordato quanto velocemente la SCR sia passata al sistema di apprendimento a distanza e abbia quindi evitato possibili ritardi nel completamento del programma in vigore.

Grazie a tutti coloro che hanno contribuito al successo del secondo semestre – bambini e alunni che sono stati in grado di adattarsi rapidamente alla difficile situazione, alle insegnanti che hanno continuato con entusiasmo a trasmettere il loro sapere attraverso i mezzi digitali, i genitori di tutti gli alunni, sia grandi che piccoli, che hanno sostenuto altruisticamente i propri figli e hanno lavorato a stretto contatto con le insegnanti, quando necessario. Un ringraziamento speciale è andato alla stagista, Lucie Grebíková, che è rimasta nella SCR fino alla fine dell’anno scolastico nonostante, come cittadina della Repubblica Ceca, abbia avuto la possibilità di tornare a casa.

Dopo il discorso della preside, le insegnanti hanno preso la parola e valutato i risultati delle loro lezioni. Květoslava Rubešová ha parlato dello studio individuale in seconda media, dell’apprendimento a distanza in terza media e della preparazione per l’esame certificato in ceco alla Università Carlo di Praga. Eva Trlíková si è occupata del corso di insegnamento in seconda media e dell’entusiasmo dei suoi allievi per l’apprendimento a distanza. Lucie Grebíková, responsabile della terza, quarta e quinta elementare, ha ricordato le gioie e gli svantaggi dell’apprendimento quando diverse annate si incontrano in un unico gruppo. Monika Kramná, la maestra della prima e seconda elementare, ha avuto un compito molto difficile, poiché insegnare le basi della lettura e della scrittura a distanza è insolito e impegnativo. Alcuni studenti selezionati si sono quindi esibiti con la propria performance.

Dopo la valutazione dei risultati nelle classi della scuola elementare e media è seguita una breve discussione. Il signor Jiří Jílek ha parlato come genitore esprimendo il suo apprezzamento per l’ immediata ed eccellente fornitura dell’apprendimento a distanza nella SCR nel momento in cui  è stato dichiarato lo stato d’emergenza. La signora Šárka Petrollini ha parlato a nome del consiglio scolastico e ha anche ringraziato la direzione della scuola e il personale docente.

La maestra d’asilo, Šárka Belvisi Chmelíčková, ha poi informato in dettaglio di alcuni progetti interessanti che ha dedicato ai bambini dell’asilo. Da un lato, si è trattato di un programma per sostenere l’avvio alla lettura “Da una fiaba all’altra ossia la lettura con le mamme”, con cui i bambini hanno avuto a che fare dall’inizio dell’anno scolastico e con cui hanno continuato anche dopo il passaggio all’apprendimento a distanza; questo progetto si è basato sul programma di approfondimento della SCR del 2018–2019. In risposta alle mutate condizioni alle quali anche i bambini in età prescolare hanno dovuto adattarsi, la maestra Šárka ha creato un altro progetto che ha motivato ulteriormente i bambini a lavorare a distanza: “Castello misterioso e il percorso verso i suoi segreti”, una favola poliziesca da continuare a cui i bambini hanno partecipato giorno dopo giorno. Attraverso vari compiti, hanno rivelato i segreti del castello, hanno aiutato i personaggi a superare gli ostacoli e la loro creazione è diventata una parte integrante della storia. Hanno così creato un libro che ricorderà loro questo strano insegnamento, nonché un momento molto speciale della loro vita.

Alla riunione video non sono mancate informazioni sui progetti a distanza durante il mese di giugno che la SCR realizzerà invece del solito campo estivo cittadino inizialmente previsto. Si tratta dei progetti “Roma, la mia città” –  capo progetto K. Di Paola Zoufalová –  presentazione della capitale italiana attraverso gli occhi dei bambini della SCR con la creazione dei propri documenti video; e “Scuola Ceca Roma Film Fest XX secolo” – responsabile del progetto E. Trlíková – visione collettiva di film e discussioni su di essi.

La preside della scuola ha parlato in vista dell’anno scolastico 2020/2021. La SCR continuerà le sue attività anche nell’anno scolastico successivo, ma le condizioni organizzative più precise saranno comunicate quando si chiarirà la situazione (anche oggi emergenziale).

Tutti i presenti ringraziano la preside della scuola K. Di Paola Zoufalová per l’entusiasmo, la responsabilità e la professionalità con cui si è dedicata alla gestione dell’organizzazione della SCR.

L’incontro si è concluso con l’inno nazionale ceco.

 

Si potrà leggere di più sulla SCR nell’anno scolastico 2019/2020 sul nuovo numero dei Fogli Romani.       (tm)

Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi